Torna la nostra rubrica su fenomeni fisici anomali e teorie scientifiche strampalate nei fumetti.

darwin01.jpg

Ci scrive Ale, segnalando un fenomeno piuttosto bizzarro manifestatosi all’interno “Darwin” (sceneggiatura di Paola Barbato, disegni di Luigi Piccatto).

“a pagina 47 […] sono rappresentati i crateri conseguenti alla caduta di corpi celesti; non voglio fare il precisino della fungia, però c’è un errore grosso come un meteorite: per farla breve, crateri di quelle dimensioni, in tutto e per tutto simili al Meteor Crater in Arizona avrebbero la potenza di diverse bombe atomiche, ed avrebbero dovuto spazzare via tutto nel raggio di almeno 100 km; invece, gli edifici intorno sono intatti (e qualcuno è addirittura sopravvissuto!!!).”


Grazie ad Ale.

Domenico ci propone due immagini chiedendoci se, a nostro parere, una sia debitrice di qualcosa all’altra.

arthur adams,fantastic 4,ryan bodenheim,omaggi

Questa è una pagina tratta da Fear Itself Fearsome Four #2, disegno di Ryan Bodenheim.


arthur adams,fantastic 4,ryan bodenheim,omaggi

 

Questa invece è un’immagine più datata, la copertina dei Fantastici 4 #348, realizzata da Arthur Adams.


La nostra risposta è: boh.

Le due immagini sotto certi aspetti si somigliano, sotto altri sono molto diverse, difficile stabilire quanto possa essere frutto di ispirazione e quanto di casualità.

Fateci sapere la vostra opinione nei commenti.


Grazie a Domenico.


Dyd76.jpg

La famosa “Pocice” londinese, il gruppo scelto che persegue i crimini legati a strafalcioni grammaticali, errori di sintassi e abusi linguistici.

Da “Dylan Dog N.305 – Il museo del crimine”, sceneggiatura di Giovanni Gualdoni, disegni di Nicola Mari.

Grazie a Roberta.

Diabolik,Giuseppe Palumbo

Ottima idea Diabolik, facendo cadere quella catasta di legna Ginko non riuscirà in alcun modo ad aprire la porta.
Ti è sfuggito solo un piccolo dettaglio…

 

Diabolik,Giuseppe Palumbo

…la porta si apre verso l’esterno >__<

 

Da “L’arresto di Diabolik – Il remake”, sceneggiatura di Mario Gomboli e Tito Faraci, disegni di Giuseppe Palumbo.

Grazie ad Umberto.

Dyd74.jpg

 

Dyd75.jpg

E così Forth Season diventa il “Forte Stagione”(Fort Season).

Mi rendo conto che come errore non è granché ma ci piaceva il fatto che una mancata lettera creasse una parola di diverso senso.

 

Dal “Dylan Dog Color Fest N.8”, sceneggiatura di Andrea Cavaletto, disegni di José Ortiz, lettering di Marina Sanfelice.

Grazie a Umberto.