sandokan02.jpg
Chandras il baffone ci mostra quanto è bravo a parlare da solo.
Da “Sandokan – La tigre della Malesia”, sceneggiatura di Alessandro Di Virgilio, disegni di Andrea Meneghin.
Grazie ad Andrew.
Volete dimostrare tutto il vostro odio verso un disegnatore? Chiedetegli di disegnare qualcosa riflesso in uno specchio.
planetes01.jpg
Questa tipa ha una tasca sul lato sinistro della giacca.
planetes02.jpg

L’immagine riflessa nello specchio invece la pensa diversamente.

Ma probabilmente tutto ciò è facilmente spiegabile da un qualche aspetto che noi ignoriamo della cultura giapponese.

Da “Planetes” di Makoto Yukimura.

Grazie a Key.

schuiten02.jpg
Sembra che Schuiten sia tanto attento nel disegnare le sue intricate architetture almeno quanto è sbadato nel vestire i suoi personaggi, almeno a giudicare dall’abbottonatura del gilet di questo tipo.
Da “Les murailles de Samaris” (“le mura di Samaris” in Italia) sceneggiatura di Benoît Peeters, disegni di François Schuiten.
Grazie a Sergino.
Vogliamo oggi conferire il prestigioso premio “Pelo nell’Uovo 2009” a Skull (detto “Vittorio”). Ci fossero più utenti come lui su Nuvole Anomale potremmo pubblicare dieci aggiornamenti al giorno.
Caravan10.jpg
Su “Caravan n.1 – Il cielo su Nest Point” (sceneggiatura di Michele Medda, disegni di Roberto De Angelis) a pagina 46, sulla targa di un’auto della polizia, si legge chiaramente lo stato americano in cui si svolge la vicenda, il North Carolina.
united-states-map.jpg
Il North Carolina si trova sulla costa est degli Stati Uniti.
Caravan11.jpg
Peccato che a pagina 30 si veda un bel tramonto sul mare. Data la posizione del luogo il sole dovrebbe sorgere dal mare, non tramontarvi.
Grazie a Skull.
exmachina00.jpg

Queste immagini sono tratte da “Ex Machina – TPB N.7 – Ex Cathedra”, sceneggiatura di Brian K. Vaughan, disegni di Tony Harris e Jim Clark. Tra la prima e la seconda immagine prendono posto ben tre pagine con scene di combattimento, singolare che i tipi con le spade riassumano esattamente la stessa posizione e che le uniche cose che paiono essersi spostate siano le due statue. Addirittura il tipo volante con lo zainetto riprende perfettamente la postura del maestro di arti marziali che appare tre pagine prima.
Volendo essere pignoli potremmo notare che nella prima vignetta il fumo generato dallo zainetto-jet sembra cadere e propagarsi a terra dietro il secondo tipo da destra, mentre, a giudicare dalle sue dimensioni, pare che lo strambo supereroe sia molto più avanti.

 

Grazie a Pasquale.