PianetaPerd01.jpg

Quello più istruito di noi (licenza media conseguita alle scuole serali) insiste nel dire che il singolare di ‘vestigia’ è ‘vestigio’. Mah…

 

Da “Sul Pianeta Perduto”, sceneggiatura di Antonio Serra, disegni di Paolo Bacilieri.

Grazie a Pasquale.

Eh?: Sul Pianeta Perdutoultima modifica: 2012-12-11T17:05:35+01:00da nuvoleanomale
Reposta per primo quest’articolo

5 Thoughts on “Eh?: Sul Pianeta Perduto

  1. Beh, in effetti il termine “vestigia” l’ho sempre sentito accompagnato dall’articolo “le”. È la forma singolare che mi sembra proprio di non aver mai sentito in vita mia. Mi informerò. 😐

  2. … a me sembra che il singolare fosse “vestigium”, parola latina (plurale appunto “vestigia”), tradotta indifferentemente con “vestigia” (plurale “vestigia” o -più raramente- vestige”) oppure (però più raramente) “vestigio” (plurale “vestigia” o “vestigi”).
    Insomma, il latino “vestigium-vestigia” tradotto (prevalentemente) con “vestigia” indeclinabile.

    Ma forse sbaglio, sto andando a memoria.

  3. Il Devoto Oli riporta solo ‘vestigio’, dando appunto ‘vestigi’ o ‘vestigia’ come plurale.

  4. Però il Vocabolario della Crusca riportava “vestigio, o vestigia” e anche Dante usò “la vestigia”. Oggi molti vocabolari definiscono “la vestigia” al singolare come “termine desueto”, ma non errato.

    (sia chiaro, lo dico senza pretese, solo per amor di confronto)

  5. Dobbiamo dedurne che sul pianeta perduto parlano desueto 😀

Lascia un commento

Post Navigation