factorv02.jpg
Arrivare in ritardato” significa presentarsi ad un appuntamento cavalcando una persona sofferente di un deficit dello sviluppo cognitivo e socio-relazionale.
Da “FActor-V N.1 – L’inconfutabile verità sui vampiri”, sceneggiatura di Sergio Stivaletti e Luca Cerretti, disegni di Daniele Statella e Matteo Bussola.
Grazie a Claudio.
factorv01.jpg
Secondo i nostri esperti di balistica, dopo lo sparo, bossolo e proiettile di una cartuccia rimangono uniti solo se quest’ultima viene scagliata con una frombola.
Da “Factor-V N.1 -L’inconfutabile verità sui vampiri”, sceneggiatura di Sergio Stivaletti e Luca Cerretti, disegni di Daniele Statella e Matteo Bussola.
Grazie a Claudio.

Cornelio05.jpg

Solo un miracolo o l’intervento di un disegnatore particolarmente sbadato potrebbe ridare la mano sinistra a questo tipo.

 

Cornelio06.jpg

A pagina 54 si verifica uno dei due casi.

 

EDIT:

 

Ci scrive Daniele Statella, disegnatore di questo albo di Cornelio, specificando che l’errore si è verificato non nella fase iniziale della matita ma nella successiva inchiostrazione ad opera di Marco Fara. A dimostrazione di ciò ci invia la matita della vignetta segnalata.

Cornelio07.jpg

 

 

Da “Cornelio N.8 – I bimbi perduti”, sceneggiatura di Mauro Smocovich, disegni di Daniele Statella e Marco Fara.

 

Grazie a Roberta.

Cornelio04.jpg

A pagina 84 una creatura mostruosa assale un tipo col berretto. A pagina 91, facendo un riassunto degli eventi fin lì narrati, Cornelio rievoca quel frangente della storia.

La comparsa del fucile è facilmente spiegabile, i due si rotolano a terra nella lotta e il tipo col berretto riesce ad afferrare l’arma, più difficile da comprendere è perché il mostro abbia deciso di liberarsi del lungo abito nel bel mezzo della zuffa e continuare il combattimento indossando una maglietta a maniche corte.

 

Da “Cornelio N.1 – Il club della paura”, sceneggiatura di Giuseppe Di Bernardo, disegni di Marco Fara e Daniele Statella.

 

Grazie a Roberta.

Cornelio01.jpg
Lo so, sembrava un buon affare, un bel telefono antico, prezzo modico, un bello squillo. E sì che squilla, le telefonate le riceve.
Il problema insorge quando devi comporre un numero con lo zero.
Da “Cornelio – Delitti d’autore N.1 il club della paura”, sceneggiatura di Giuseppe Di Bernardo, disegni di Marco Fara e Daniele Statella.

Grazie a Roberta.