Boia01.jpg

Una segnalazione architettonica da parte di Matteo.

“a pagina 52 del primo numero […]
nella prima vignetta si vede l’ ingresso di un cimitero con un cancello ed un
arco, il problema sta nell’arco: per farlo sembrare vecchio e trasandato
infatti lo hanno voluto “rompere” un po’ ma gli hanno tolto la chiave di volta,
cioè la pietra centrale che gli permette di stare in piedi, morale della
favola, a meno che quell’arco non sia di cemento armato non può stare
assolutamente in piedi.”


Noi di Nuvole Anomale ne capiamo di architettura quanto Mike Tyson di poesia tardobarocca ma di una cosa crediamo di essere abbastanza sicuri, durante il periodo della Rivoluzione Francese il cemento armato non era così in uso… 


Ora nei commenti voglio una bella discussione per stabilire se quell’arco può o non può stare in piedi.


Da “Il boia di Parigi”, sceneggiatura di Paola Barbato, disegni di Giampiero Casertano.


Grazie a Matteo.

Torna la nostra rubrica su fenomeni fisici anomali e teorie scientifiche strampalate nei fumetti.

darwin01.jpg

Ci scrive Ale, segnalando un fenomeno piuttosto bizzarro manifestatosi all’interno “Darwin” (sceneggiatura di Paola Barbato, disegni di Luigi Piccatto).

“a pagina 47 […] sono rappresentati i crateri conseguenti alla caduta di corpi celesti; non voglio fare il precisino della fungia, però c’è un errore grosso come un meteorite: per farla breve, crateri di quelle dimensioni, in tutto e per tutto simili al Meteor Crater in Arizona avrebbero la potenza di diverse bombe atomiche, ed avrebbero dovuto spazzare via tutto nel raggio di almeno 100 km; invece, gli edifici intorno sono intatti (e qualcuno è addirittura sopravvissuto!!!).”


Grazie ad Ale.

Pasquale ci scrive chiedendoci se davvero una finestra può proiettare quel genere di ombre orizzontali senza che vi sia alcuna veneziana a giustificarle. Non sappiamo davvero che dirti, sappiamo solo che è davvero un quesito molto interessante. Davvero.

Davv01.jpg

Dalla terza puntata di “Davvero”, sceneggiatura Paola Barbato, disegni di Emma Martinelli.

Grazie a Pasquale.

Dyd34.jpg
Magari non si tratta di un vero e proprio errore, ma come statistiche sembrano piuttosto curiose.

Da “Dylan Dog Color Fest N.2 – Video killer”, sceneggiatura di Paola Barbato disegni di Angelo Stano.

 

Grazie a Giuseppe.

Dyd29.jpg
La situazione di queste donne, ritratte in vari momenti della loro vita è piuttosto chiara: sono due gemelle siamesi attaccate per il tronco, hanno tre braccia in due, l’arto centrale è posto frontalmente.
Dyd30.jpg
Questa deve essere un’immagine risalente al primo tentativo di separarle chirurgicamente, non è andato molto bene, a causa di una distrazione del chirurgo hanno anche cambiato sesso.
Da “Dylan Dog N.245 – Il cimitero dei freaks”, sceneggiatura di Paola Barbato, disegni di Nicola Mari.

Grazie a Busta.

Dyd01.jpgDyd02.jpgMmh… “il marito non si è preoccupato del suo ritardo”. Forse perché è una “single rampante”?

Da Dylan Dog N.189 “Il prezzo della morte”. Sceneggiatura di Paola Barbato, disegni di Giovanni Freghieri.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Grazie a Gea